mercoledì 5 dicembre 2018

10. Uno di troppo (parte prima)

(FONTE: Steemit)
(Ascolto consigliato: link)

«Signori vi prego. Calma», intimò Belthran ai due arcieri che l'avevano accompagnato. Stavano già per incoccare.
«Venti contro due», esclamò Numitor. «Non ci avete messo molto a decidere da che parte stare.»
«Lasciamo che questa conversazione vada fino in fondo, non è il momento delle acrobazie», disse Belthran, con un sorriso amaro; «a questo punto sono davvero curioso.»
Fece un respiro, poi si rivolse al Guardiano del Colle: «Aiutami a capire. Vi siete messi d'accordo per rovinarmi la mattinata o è tutta farina del nostro condottiero, qui?»
Allargò le braccia e guardò Numitor: «Te ne prego, illuminami.»


martedì 27 novembre 2018

9. Agguato

(FONTE: Steemit)
(Ascolto consigliato: link)

Pioveva come se non dovesse più smettere.

Dopo aver martoriato le spiagge a nord di Porto dei Cigni, la tempesta aveva inghiottito l'entroterra fino a mettere in ginocchio le genti di Verdecinta; poi aveva scavalcato le Montagne Innevate in sfregio a ogni legge della natura, alimentandosi della sua stessa distruzione, e ora stava riducendo il Sacro Altopiano a un lago di fango.
Gli stivali degli armigeri affondavano fin quasi alle caviglie.


martedì 20 novembre 2018

8. Libertà

(FONTE: Steemit)
(Ascolto consigliato: link)

Si risvegliò in una radura.
Non era una radura selvaggia, piena di rettili e insetti, né un ritrovo di briganti umido e senza luce, bensì una radura elfica, bellissima e confortevole.
Un cerchio intagliato nel cuore di un'enorme foresta, senza alcuna via apparente verso il mondo esterno; dolci cunette ricoperte d'erba e aiuole colorate, limpidi ruscelli e tortuosi sentieri di ghiaia.
Alberi di un'altezza vertiginosa ne delimitavano i morbidi percorsi, nascondendo il disco solare con le immense chiome vaporose; una luce gentile si sprigionava da quella verde cupola, dove farfalle dalle ali turchesi danzavano nell'aria e uccellini dalle lunghe code fischiettavano una dolce melodia.


mercoledì 14 novembre 2018

7. Colle Veggente

(FONTE: Steemit)
(Ascolto consigliato: link)

Si radunarono su un pianoro in cima alla collina.
Più di una ventina di uomini.

Il terreno era quasi perfettamente liscio, l'erba soffice e curata; sopra di loro il cielo stava virando rapidamente dal nero al blu, e la luce delle stelle si affievoliva; a nord, il Grande Fiume raggiungeva uno dei punti di portata massima.
Un alto e sottile cono di roccia divideva le acque, poco prima che queste incontrassero le Cascate; era troppo piccolo e impervio per edificarvi un fortino.
Dalle sue radici si alzavano colonne di schiuma, come bava sulla zanna di qualche enorme belva primordiale.
Solo un molo scalcagnato, abbarbicato al costone più occidentale, resisteva alle correnti; altri due venivano mantenuti ai lati opposti dell'alveo, in quanto non vi erano ponti né guadi.


martedì 6 novembre 2018

6. Giustizia (parte seconda)

(FONTE: Steemit)
(Ascolto consigliato: link)

Il lord fece un gesto rassegnato ai suoi uomini, che liberarono Castagna.
Lo guardò mentre fingeva di rassettarsi la giubba: «Ebbene, dì la tua», borbottò spazientito, «ma bada di non offendere più uno solo dei presenti, se non vuoi che il tuo primo processo sia anche l'ultimo.»

«Cosa sai degli Herumold, mio signore?», domandò il giovane a bruciapelo.
Il vecchio non rispose, ma non riuscì a nascondere del tutto la preoccupazione; diede una scrollata di spalle, poi lo esortò a proseguire.
«Sai di certo che erano gli Herumold a governare questa terra, prima del tuo arrivo. Nessuno mette in dubbio i tuoi diritti di signore, dal momento che il ramo principale del casato è ormai estinto. Tuttavia, alcuni loro discendenti sono ancora in vita.»